I GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE INCONTRANO IL PAPA

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

<![CDATA[

2Immagine_san_masimiliano2016Il 12 marzo prossimo in piazza San Pietro circa 2.500 giovani volontari in servizio civile degli enti del TESC (Tavolo Ecclesiale sul Servizio Civile)* parteciperanno all’udienza di papa Francesco. Dopo l’incontro, inserito nel calendario del Giubileo straordinario della Misericordia, i giovani e i loro responsabili, provenienti da tutta Italia, passeranno la Porta Santa della Basilica di San Pietro.
L’udienza coincide quest’anno con l’XI Incontro di San Massimiliano, giovane martirizzato il 12 marzo del 295 d.C. per obiezione di coscienza al servizio militare e considerato il patrono del servizio civile, nonché con i 15 anni dall’istituzione il 6 marzo 2001 del servizio civile nazionale volontario.
Nel pomeriggio, dalle ore 14.00 alle 16.30, nella vicina chiesa di San Gregorio VII, si svolgerà la seconda parte dell’incontro, coordinata da Nicola Ferrante, giornalista di TV2000, e composta da momenti di riflessione e testimonianze sul tema indicato da papa Francesco per la recente Giornata mondiale della Pace: “Vinci l’indifferenza e conquista la pace”. Parleranno della loro esperienza alcuni giovani, in rappresentanza dei circa 6.000 volontari degli enti del TESC impegnati in vari progetti in Italia e all’estero: dall’assistenza ad ammalati, poveri e migranti, all’educazione verso minori e giovani, alla tutela dell’ambiente o nella protezione civile, fino all’azione di cooperazione internazionale e di riconciliazione in altri paesi dopo conflitti e guerre. Interverranno inoltre: S.Em. il Card. Francesco Montenegro (arcivescovo di Agrigento e Presidente di Caritas Italiana), Calogero Mauceri (Capo Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale), Francesco Violi (Rappresentante nazionale dei volontari nella Consulta del servizio civile e “casco bianco” all’estero), suor Michela Marchetti (suore della Divina volontà di Crotone) e padre Giulio Albanese (missionario comboniano).
Quella degli incontri di San Massimiliano è una tradizione avviata nel 2003 quando Caritas Italiana chiamò a raccolta i propri obiettori di coscienza e ragazze del servizio civile volontario a Sotto il Monte (BG). Nelle precedenti 10 tappe, che hanno visto sempre un’ampia partecipazione dei volontari dei vari enti, sono state toccate diverse regioni e diocesi: Rondine (AR) 2005, Trani (BA) 2006, Cassino (FR) 2007, Reggio Emilia 2008, Pozzuoli (NA) 2009, Loreto (AN) 2010, Roma 2011, Mirandola (MO) 2013, Genova 2014.
Ulteriori dettagli sono disponibili su www.caritas.it e su www.esseciblog.it, il sito di informazioni sul servizio civile promosso dal 2005 dal TESC, mentre sarà possibile seguire la giornata del 12 marzo tramite i profili twitter @CaritasItaliana e @esseciblog con l’hashtag #sanMassimiliano.
Il Tavolo Ecclesiale sul servizio civile (TESC) è il coordinamento di organismi della Chiesa italiana che dal 2003 promuove il servizio civile e lo propone a tutti, in modo particolare ai giovani, come importante esperienza formativa, di servizio agli ultimi, di testimonianza dei valori della pace, giustizia, cittadinanza attiva e solidarietà. Vi aderiscono: Caritas Italiana, Fondazione Migrantes, Ufficio nazionale per la Cooperazione Missionaria tra le Chiese, Ufficio nazionale per i Problemi Sociali e il Lavoro, Servizio nazionale per la Pastorale Giovanile, Azione Cattolica Italiana, ACLI, AGESCI, Confederazione nazionale delle Misericordie d’Italia, Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII, Confcooperative-Federsolidarietà, Cenasca-Cisl, Centro Sportivo Italiano, Volontari nel mondo-FOCSIV, G.A.V.C.I., Federazione SCS/CNOS, CDO Opere Sociali, Anspi e Unitalsi.

00165 ROMA – via Aurelia, 796 – conto corrente postale n. 347013
tel. 06 661771 – fax 06 66177602
Ufficio Comunicazione: tel. 06 66177226 / 502 – mob. 348 5804275
comunicazione@caritas.it – www.caritas.it – @CaritasItaliana]]>