TeatrAli – percorsi di integrazione e libertà: al via le prime iniziative

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

<![CDATA[
Il progetto TeatrAli – percorsi di integrazione e libertà che nasce dall’esperienza di “Nostra Signora Libertà” e dal “Teatro per sognare”, sarà un percorso biennale che vedrà l’intervento parallelo di DAF, impegnata con i minori stranieri dei centri di accoglienza, e l’associazione culturale D’aRteventi, che proseguirà il Laboratorio Teatrale diretto da Flavio Albanese con la “Libera Compagnia del Teatro per Sognare”, formatasi nel 2017 all’interno della Casa Circondariale di Gazzi. Sarà un percorso incentrato sull’incontro con il “diverso”, sull’alterità, che avrà come filo conduttore il teatro: il suo linguaggio, le tecniche, le arti e tutte le potenzialità espressive per permettere a tutte le persone coinvolte di tirar fuori il proprio vissuto e le proprie capacità per condividere spazi di libertà, promozione ed autodeterminazione.
Prossimi appuntamenti:
Lunedì 19 novembre alle ore 18:00, presso la sala teatrale dell’Istituto S. Brigida, si svolgerà la dimostrazione aperta al pubblico del laboratorio di integrazione sociale “Totò il buono, o l’arte della narrazione teatrale” diretto da Angelo Campolo per la compagnia “DAF – teatro dell’esatta fantasia”. Il progetto, realizzato con il sostegno del Ministero della Giustizia e Ussme ed in collaborazione con Caritas, vede protagonisti ragazzi in esecuzione di pena provenienti da diverse comunità di recupero di Messina e provincia. L’incontro aperto al pubblico prevede anche la proiezione del documentario “Totò” incentrato sul percorso  svolto dai ragazzi tra settembre e novembre. Rileggendo “Totò il buono” e il soggetto cinematografico di “Miracolo a Milano”, il gruppo rievoca l’incanto dell’apologo dolcissimo e amaro di Zavattini. Totò compie il miracolo della solidarietà. Edifica coi suoi una città ideale dove si può vivere poveri, sì, ma ricchi di amore per la vita. I ricchi veri lo permetteranno? Totò, costruttore di piccoli ingegnosi miracoli prodotti di un cuore grande e del piacere di giocare e divertire sempre, per poter vincere, a colpi di ironia, la guerra contro la stupidità degli egoisti.

           DAF – teatro dell’esatta fantasia

 Venerdì 14 dicembre alle ore 16.00 – presso il teatro “Piccolo Shakespeare” all’interno della casa circondariale di Gazzi – “Il Passo dei Sogni”: la “Libera Compagnia del Teatro per Sognare” circuito ( alta sicurezza) e la partecipazione del gruppo hip-hop Mind Power e di alcuni ragazzi del Marvan dance group di Mariangela Bonanno.
Venerdì 21 dicembre alle ore 16.00 – presso il teatro “Piccolo Shakespeare” all’interno della casa circondariale di Gazzi – “Oltre la Musica”: Concerto della Pianista Alice Di Piazza con la partecipazione della “Libera Compagnia del Teatro per Sognare” circuito ( media sicurezza) gruppo nuovo.
I due appuntamenti del 14 e del 21 rappresentano un momento del cammino già intrapreso da D’aRteventi con il Progetto “Il Teatro per Sognare” attraverso il Teatro nelle sue varie forme.Il Progetto sostenuto da Caritas Diocesana e dal Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, è frutto di una consolidata e appassionata collaborazione tra D’arteventi con la Caritas diocesana e il Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria, la Casa Circondariale di Gazzi, la direzione e tutti gli uffici, la Polizia Penitenziaria, il Tribunale di Sorveglianza, l’Istituto Minutoli ( di cui sono alcuni alunni detenuti che partecipano al laboratorio), il liceo artistico Basile, l’Istituto alberghiero Antonello, questo cammino intrapreso grazie a questa rete di collaborazioni nel dicembre 2017 ha anche portato alla realizzazione del Teatro “Piccolo Shakespeare” dentro la Casa Circondariale.Il 14 e il 21 la “Libera Compagnia del Teatro per Sognare” con i due circuiti di alta e media sicurezza andrà in scena all’interno di due appuntamenti dove si fonderà la Parola insieme alla Danza (14 dicembre) e la Musica insieme alla Parola (21 dicembre).Con questi due appuntamenti faranno ingresso in carcere la Danza attraverso la collaborazione con il Mind Power e il Marvan dance di Mariangela Bonanno e la Musica attraverso la collaborazione con la pianista di fama internazionale, Alice Di Piazza. Il 14 dicembre la “Libera Compagnia del Teatro per Sognare” si confronterà con il tema del Sogno che di per sé è l’espressione profonda del valore più alto della Libertà. Il Sogno verrà declinato nelle sue diverse forme, quali il Mito, l’esperienza personale, la poesia, la psicologia e autori per i quali la propria prigionia ha generato grandi capolavori. Il 21 sarà una grande artista ad accogliere nell’ambito della sua esibizione un momento dedicato al nuovo percorso realizzato con il circuito di media sicurezza. I due appuntamenti rappresenteranno un tassello del cammino attraverso anche un momento di riflessione tra i vari soggetti coinvolti giovani e professionisti che doneranno all’altro la propria esperienza di vita. Questi due spettacoli sono coorganizzati con la Filarmonica Laudamo che li ha inseriti come progetti speciali collaterali alla Stagione 2018/19.

  D’aRteventi – associazione culturale

]]>